EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

COLICHE

Le coliche gassose del neonato sono il problema che i genitori affrontano più spesso e sempre con apprensione nei primi mesi di vita del loro piccolo.
Di solito sono “crisi di pianto inconsolabile” che si presentano più spesso nelle ore serali, il bambino piange e nulla lo fa calmare: ciuccio, latte, camomilla, coccole.
Il lattante con coliche si agita, stringe le manine e piega le gambe trattenendo il respiro.
Compaiono con più frequenza dopo le prime 3 settimane di vita, aumentando fino al terzo mese e poi, graduatamente si riducono.
Si tratta di una condizione transitoria, non pericolosa per il piccolo e quindi non è necessario preoccuparsi.
Si ritiene che la causa sia una dilatazione delle anse dell’intestino provocata da un eccessivo contenuto di aria ed è questa che spingendo determina dolore.
Più raramente le coliche possono essere causate da intolleranza alle proteine del latte vaccino o intolleranza al lattosio.

COSA FARE

– è consigliabile tenere il bambino a pancia in giù sul proprio braccio dondolandolo dolcemente: le coliche saranno alleviate dalla pressione esercitata dalla vostra mano sull’addome;
– usare biberon anticolica che riducono la quantità di aria che viene ingerita durante la poppata;
– favorire il “contenimento”: ad alcuni bambini piace essere raccolti in una specie di nido, come in posizione fetale, lo si può avvolgere in un lenzuolo o in apposite fasce;
– ricordarsi che per quanto la situazione possa sembrare drammatica, il bambino sta bene e che tutto si risolve;
– utilizzare integratori con il LACTOBACILLUS CASEI GG e il LACTOBACILLUS REUTERI perché somministrati al bambino e alla mamma che allatta rafforzano il sistema immunitario del bambino;
– utilizzare malva, camomilla, melissa, finocchio, presenti in alcuni prodotti naturali ed omeopatici perché hanno importanti effetti lenitivi, favoriscono la funzione digestiva e l’eliminazione dei gas.

COSA NON FARE

– non dare farmaci non consigliati dal pediatra;
– non usare sondini rettali, microclismi, suppostine in modo routinario;
– non somministrare sostanze dolci per calmarlo;
– non colpevolizzarsi perché piange, non dipende da voi genitori.

ARTICOLI CORRELATI

LO SVEZZAMENTO

A partire dai 6 mesi in poi il latte materno non è più sufficiente a garantire un apporto corretto di calorie e nutrienti al neonato e, di conseguenza, è indispensabile affiancare al latte nuovi alimenti. Lo svezzamento…

LA CONGIUNTIVITE

Generalmente nelle congiuntivite batteriche o virali la secrezione è purulenta ossia è presente del pus di colore bianco o giallo: per questo motivo al risveglio l’occhio si presenta “appiccicoso” e le palpebre sembrano “incollate”.

ALLATTAMENTO ARTIFICIALE (con latte formulato)

Quando non è possibile allattare in maniera naturale si può ricorrere, in tranquillità, al latte formulato comunemente chiamato allattamento artificiale. Quale latte o formula scegliere? il bambino lo tollera?

DIARREA RIGURGITO VOMITO

La diarrea nei bambini è spesso un sintomo della gastroenterite acuta, malattia causata da infezioni virali o da infezioni batteriche accompagnata da vomito, dolori addominali e febbre di intensità variabile…

ALLATTAMENTO AL SENO

Nei primi mesi di vita il latte materno rappresenta l’alimento privilegiato poiché contiene una quantità equilibrata di nutrienti che garantiscono la crescita e lo sviluppo ottimale degli organi del neonato, del suo sistema immunitario e dell’organismo nel suo complesso.