EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

DIARREA RIGURGITO VOMITO

DIARREA

La diarrea nei bambini è spesso un sintomo della gastroenterite acuta, malattia causata (soprattutto in inverno) da infezioni virali o da infezioni batteriche (tipica del periodo estivo). La durata media dei sintomi è di 3-5 giorni.
A volte è accompagnata da vomito, dolori addominali e febbre di intensità variabile.
Il microorganismo che causa la malattia può essere trasmesso, al bambino, attraverso cibi od oggetti contaminati o ancora attraverso le goccioline di saliva di un soggetto già malato.

COSA FARE

  • verificare lo stato di idratazione del bambino controllando la quantità di urina emessa;
  • pesarlo ogni giorno per valutare la perdita di peso (se > 10% rivolgersi subito al pediatra);
  • idratare il bambino facendogli bere acqua e soluzioni reidratanti;
  • somministrare probiotici e fermenti lattici;
  • rialimentare il bambino a partire da alimenti semplici da digerire: pasta, pane, riso, fette biscottate;
  • evitare alimenti grassi e zuccheri semplici.

COSA NON FARE

  • non somministrare di propria iniziativa antibiotici o farmaci antidiarroici (attenersi alle indicazioni del pediatra) ;
  • non far digiunare a lungo il bambino.

 

RIGURGITO E VOMITO

Il rigurgito è l’emissione passiva, involontaria di piccole quantità di latte da parte del lattante e può comparire sia subito dopo la poppata che anche a distanza di ore. Non deve creare preoccupazione se il bambino cresce regolarmente.
E’ da distinguere dal vomito che, invece, è preceduto da nausea, malessere ed è caratterizzato dall’emissione forzata del contenuto gastrico.
Le cause possono essere diverse, le più frequenti sono

  • gastroenterite acuta
  • infezioni (otite, tonsillite)
  • intossicazione alimentare
  • stati emotivi: stress, paura, ansia.

COSA FARE

PER RIGURGITO:

  • fare piccole pause durante la poppata;
  • utilizzare biberon che hanno sistemi antirigurgito;
  • dopo la poppata mantenere il piccolo in posizione eretta;
  • consultare il pediatra se il fenomeno è frequente e si trasforma in vomito (conati prolungati ed espulsione a getto).

PER VOMITO:

  • digiuno per qualche ora;
  • dar da bere poco (con il cucchiaio) e spesso;
  • dare piccole quantità di cibo solido (fette biscottate, pane, pasta, riso);
  • consultare il pediatra se la situazione non migliora dopo 12-24 ore.

COSA NON FARE

PER RIGURGITO:

  • non dare da bere il latte con un biberon che abbia il foro troppo ampio nella tettarella;
  • non cambiare il piccolo subito dopo la poppata.

PER VOMITO:

  • non forzare il bambino a bere e mangiare;
  • non somministrare farmaci anti vomito senza indicazione del pediatra.

vomito diarreasintomi vomito diarrea

ARTICOLI CORRELATI

COLICHE

Il lattante con coliche si agita, stringe le manine e piega le gambe trattenendo il respiro. Si tratta di una condizione transitoria, non pericolosa per il piccolo e quindi non è necessario preoccuparsi.

LO SVEZZAMENTO

A partire dai 6 mesi in poi il latte materno non è più sufficiente a garantire un apporto corretto di calorie e nutrienti al neonato e, di conseguenza, è indispensabile affiancare al latte nuovi alimenti. Lo svezzamento…

LA CONGIUNTIVITE

Generalmente nelle congiuntivite batteriche o virali la secrezione è purulenta ossia è presente del pus di colore bianco o giallo: per questo motivo al risveglio l’occhio si presenta “appiccicoso” e le palpebre sembrano “incollate”.

ALLATTAMENTO ARTIFICIALE (con latte formulato)

Quando non è possibile allattare in maniera naturale si può ricorrere, in tranquillità, al latte formulato comunemente chiamato allattamento artificiale. Quale latte o formula scegliere? il bambino lo tollera?

ALLATTAMENTO AL SENO

Nei primi mesi di vita il latte materno rappresenta l’alimento privilegiato poiché contiene una quantità equilibrata di nutrienti che garantiscono la crescita e lo sviluppo ottimale degli organi del neonato, del suo sistema immunitario e dell’organismo nel suo complesso.