fbpx

FEBBRE – Cosa fare se il mio bimbo ha la febbre

La febbre è il sintomo più comune di malattia nei bambini ed è molto frequente soprattutto nei primi anni di vita. 

E’ un innalzamento della temperatura corporea al di sopra dei 37,5 °C.
La febbre è un sintomo e non una malattia e viene utilizzato dall’organismo come strumento di difesa nei confronti delle interazioni.
La sede più attendibile per misurare la temperatura è sotto l’ascella.

 

COSA FARE

• idratare il bambino, soprattutto con acqua, tè deteinato, camomilla, bevande leggermente zuccherate;
• coprire il bambino solo se sente freddo o ha i brividi;
• se il bambino tollera bene la febbre e non ha malessere non è necessario abbassarla.

Il principale farmaco utilizzato per abbassare la febbre in età pediatrica e il PARACETAMOLO ( TACHIPIRINA ) e viene utilizzato fin dai primi mesi di vita del bambino.
E’ preferibile somministrarlo per bocca attraverso le gocce o lo sciroppo, mentre nei bambini più grandi si possono utilizzare le buste o le compresse ( la via orale presenta un assorbimento di farmaco più rapido e certo).
Le supposte rappresentano un’alternativa in caso di vomito o di un bimbo non collaborativo.
Le somministrazioni possono essere ripetute ogni 6/8 ore.
L’IBUPROFENE si può somministrare in alternativa al paracetamolo ma esclusivamente nel bambino che pesa più di 6kg e ha più di 3 mesi. E’ disponibile nelle formulazioni in sciroppo , supposte e nei bimbi più grandi bustine o compresse. Le somministrazioni vanno distanziate di almeno 8 ore e non si devono superare le 3 dosi al giorno.

 

COSA NON FARE 

• non coprirlo troppo;
• non forzare il bambino a mangiare;
• non misurargli continuamente la febbre o svegliarlo mentre dorme;
• non somministrare ASPIRINA nei ragazzi di età inferiore ai 15 anni;
• non utilizzare farmaci antiinfiammatori per adulti per i possibili effetti collaterali;
• CORTISONE e ANTIBIOTICI devono essere somministrati solo su indicazione del pediatra.

 

ARTICOLI CORRELATI

COLICHE

COLICHE

Il lattante con coliche si agita, stringe le manine e piega le gambe trattenendo il respiro. Si tratta di una condizione transitoria, non pericolosa per il piccolo e quindi non è necessario preoccuparsi.

LO SVEZZAMENTO

LO SVEZZAMENTO

A partire dai 6 mesi in poi il latte materno non è più sufficiente a garantire un apporto corretto di calorie e nutrienti al neonato e, di conseguenza, è indispensabile affiancare al latte nuovi alimenti. Lo svezzamento…

LA CONGIUNTIVITE

LA CONGIUNTIVITE

Generalmente nelle congiuntivite batteriche o virali la secrezione è purulenta ossia è presente del pus di colore bianco o giallo: per questo motivo al risveglio l’occhio si presenta “appiccicoso” e le palpebre sembrano “incollate”.

ALLATTAMENTO ARTIFICIALE (con latte formulato)

ALLATTAMENTO ARTIFICIALE (con latte formulato)

Quando non è possibile allattare in maniera naturale si può ricorrere, in tranquillità, al latte formulato comunemente chiamato allattamento artificiale. Quale latte o formula scegliere? il bambino lo tollera?

DIARREA RIGURGITO VOMITO

DIARREA RIGURGITO VOMITO

La diarrea nei bambini è spesso un sintomo della gastroenterite acuta, malattia causata da infezioni virali o da infezioni batteriche accompagnata da vomito, dolori addominali e febbre di intensità variabile…

ALLATTAMENTO AL SENO

ALLATTAMENTO AL SENO

Nei primi mesi di vita il latte materno rappresenta l’alimento privilegiato poiché contiene una quantità equilibrata di nutrienti che garantiscono la crescita e lo sviluppo ottimale degli organi del neonato, del suo sistema immunitario e dell’organismo nel suo complesso.